I 10 Peggio Elettori Al Bar.

1) Quello Che Vota Al Pd. Entra e ordina caffè al vetro, così, giusto per cacare il cazzo, tanto non è che cambia il sapore, poi srotola Repubblica e comincia a commentare i fatti del giorno con aria saputa e sparando cazzate retrograde a pappagallo. Si esalta al pezzo di Michele Serra tra l’indifferenza degli astanti, commenta ad alta voce le gesta di Rampini, sposa nella totale strafottenza dei prodotti da forno le tesi di Merlo e di Giannini, ogni tanto si dimentica che Ichino non sta più nel Pd e chiede a gran voce al barista la testa dei dipendenti pubblici, ottenendo al massimo un tramezzino rucola e bresaola. Spesso si rifiuta di pagare il conto accusando la cassiera di voler far vincere a tutti i costi Berlusconi.

2) Quello Che Vota A Monti. Siccome che è ricco, a lui sostanzialmente della politica non gliene può fottere di meno. Entra al bar solo per inserirsi a cazzo nelle rare conversazioni sensate con frasi che non vogliono dire una mazza tipo adesso abbiamo una credibilità internazionale, oppure sì, ma lo spread? o anche e dei mercati non vogliamo tenere conto? Ordina un tè col manico, facendo incazzare il barista che non sa cosa sia, così ha l’occasione di rimproveragli la sua scarsa professionalità e dargli la colpa della bolla finanziaria e immobiliare. Prima di uscire tenta di interrogare gli astanti sull’economia keynesiana, ma non ci riesce in quanto troppo occupato a  ripulirsi dallo sputo. Spesso cerca di distribuire immaginette di Mario Draghi, facendole tirar fuori da una scatolina per mezzo di un cocorito di nome Peppeniello.

3) Quello Che Vota A Vendola. Spesso il barista gli inibisce l’entrata al locale, perché già quando ordina non si capisce un cazzo, visto che se ne esce con frasi vorrei, non voglio badi bene ma vorrei, anzi avrei bisogno che lei mi narrasse la lista degli infusi acciocché io possa farmi un’idea accurata di ciò che il mio stomachino potrebbe, attenzione potrebbe, non può, desiderare, sempre che il desiderio sia  ancora lecito in questa società che io e altre donne e uomini come me ci stiamo adoperando per tentare, attenzione ho detto tentare, democraticamente e con dolcezza, di cambiare il modo in cui questo paese sorbisce le sue camomille e perché no, anche, e si badi bene, ho detto anche, le tisane. Gli altri avventori lo adorano perché spesso paga il conto, anche se i soldi alla fine vanno tutti in conto alla regione Puglia.

4) Quello Che Vota A Di Pietro. Entra pulendosi le mani sporche di terra sul cappotto di quello al bancone, e urla Barristeeee uno sfilatine provola saciccia e friarielliii che me lo deve sponzare per dentre all’anisetteee! Mentre mangia, comincia a urlare con la bocca piena sputazzando pezzi di di formaggio che qua in queste mode non si può più antare avando, e che mannaggia alla marina de sanchiuppo qua co tutti sti marioliggi non se pote proto cchiù campare! Sbeffeggia quelli che leggono il quotidiano a prescindere da quale quotidiano stiano leggendo non perché non abbia fiducia nella stampa, proprio perché non ha fiducia in questi intellettuali moderni che si leggono le parole intere invece di sillabarle ad alta voce. Prima di andare via, promette di votare la qualunque se gli pagano lo sfilatino.

5) Quello Che Vota A Rifondazione. Entra tutto scarmigliato bestemmiando San Marchionne, ordina un Fernet e comincia a guardare con odio gli avventori con la cravatta, cercando di sbirciare la testata del quotidiano che hanno in tasca. Molto spesso, in preda a furia irrefrenabile, si spinge a strappare il quotidiano dalle tasche urlando cose sconnesse tipo ancora a farvi manipolare il cervello da queste cazzate? Ma vi rendete conto o no che questo paese è ormai alla rovina per colpa dei padroni?  Quando vi libererete dalle vostre catene? Quando, ditemi QUANDOOOOOO!! Per farlo smettere, il barista, che ormai lo conosce, gli mette canale 5, così il rifondarolo si placa estasiato guardando Sansonetti che, sulle reti di Berlusconi, difende il povero Berlusconi.

6) Quello Che Vota A Casini. Entra con un sorrisone sulle labbra perché tanto lui con la quinta elementare è diventato un altissimo funzionario pubblico con stipendio alla Ibrahimovic, fallo pure essere scontento: saluta tutti gli avventori del bar, uno per uno, chiedendo loro come stanno le mogli, le date delle prossime comunioni cresime , battezzi e matrimoni al fine di poter fare sontuosi regali ai festeggiati. Si informa cordialmente sulla salute delle mamme, porge a chi ne ha bisogno il numero privato di chirurghi bravissimi, si offre di fare la fila alla posta conto terzi. Alla fine urla al barista Caro, metti tutto sul mio conto, mi raccomando, nessuno qua dentro paga niente finché ci sono io eh?, poi esce alla chetichella senza pagare e fregandosi due cellulari.

7) Quello Che Vota A Pannella. E’ pericolosissimo e molto odiato dal barista perché in sostanza è un pazzo scatenato che entra nel bar solo per mettere zizzania e scatena liti ferocissime. Gli avventori abituali, che lo conoscono, quando entra nel locale si nascondono nel cesso anche in quindici o sedici e anche per un lungo lasso di tempo, a rischio di sentirsi male e al solo scopo di evitarlo. L‘Elettore Di Pannella attacca allora bottone con gli avventori casuali, innescando discussioni nelle quali lui prima è a favore dell’ergastolo poi, quando si sono formate due fazioni pronte a venire alle mani tra loro, diventa improvvisamente contro, poi di nuovo pro, poi ancora contro, finché no chiede soldi per Radio Radicale. Non è raro che si finga prima laziale e poi romanista, oppure prima napoletano e poi juvemmerdino solo per scatenare risse che poi guarderà schifato scuotendo la testa mormorando ah la partitocrazia.

8 ) Quello Che Ancora Vota Ai Verdi. C’è stato un tempo che questo buffone entrava nel bar e se la comandava. Pretendeva di pagare in foglie d’acero e obbligava il barista ad aprirgli il tramezzino per assicurarsi che il prosciutto non fosse di panda, di dodo o di dinosauro, e alle volte prendeva i panini al tonno ed eseguiva analisi microbiologiche sul posto per assicurarsi che non si trattasse di delfino. Adesso che il vento è girato entra nel bar con occhioni ammarrati da panda e subisce ogni sorta di sfottò, anche dallo scemo del bar, che ogni cosa che dice gli urla: ANCORA??? ANCORA?? Se ne va dal locale con quel carico d’odio verso l’umanità tutta che contraddistingue colui che dice di amare gli animali e la natura in genere.

9) Quello Che Vota A Grillo. Entra sbattendosi la porta alle spalle come a un Gary Cooper per dentro al saloon e comincia a guardarsi intorno come un bounty killer in cerca di ricercati. Sfodera il Fatto Quotidiano e lo impugna in direzione di quelli che sa appartenere ai partiti tradizionali e comincia a sparare il rosario degli indagati, dei collusi, degli ammanicati, degli arrestati, di quelli in attesa di giudizio nonché dei passati in giudicato e degli amnistiati. Recita a memoria le battute sarcastiche di Travaglio ascoltate la sera prima da Santoro e ne imita le smorfie sardoniche. Spesso prende a calci il cestino delle immondizie senza alcun motivo, e non è raro che si infili i guanti bianchi per passarli negli angoli per verificare che il locale sia a norma. Se ha un parente nelle forze dell’ordine non esita a chiamarlo al cellulare se il barista tarda più di tre secondi ad emettere regolare scontrino. Prima di andar via insulta gli astanti a gran voce per aver contribuito a rovinare il paese e perché non si sono ancora decisi a passare a Linux.

10) Quello Che Che Significa Non Vai A Votare Ma Allora Vuoi Far Vincere A Berlusconi Alle Destre Allora Lo Vedi Che Il Vero Reazionario Sei Tu Sì Tu Tu E’ Inutile Che Fai La Faccia Schifata E Anzi Lo Sai Che Ti Dico Che sei Un Qualunquista E Che Se Non vai A Votare Perdi Anche Il Diritto Di Lamentarti Anzi Mi Sa Che Votare Non E’ Un Diritto E’ Un Preciso Dovere Ha Ha Caro Mio Nei Paesi Civili Se Vieni Meno Ai Tuoi Doveri Di Cittadino Elettore Ti Fai Almeno Due O Tre Anni Di Carcere Sì Sì Sta Scritto Su Repubblica Come Dove? Sotto L’Articolo Che Dice Che Non Si Sa Chi E’ Il Padre Geologico Dei Figli Di Jodie Foster See Biologico Mo’ Se Repubblica Dice Geologico Si Vede Che Si Dice Geologico Comunque Caro Mio Se non Vai A Votare Non Sei Un Vero Patriota, Non Ami I Nostri Ragazzi In Missione Di Pace All’Estero E Anzi Sa Che Ti Dico Non Sei Nemmeno Di Sinistra Toh Beccati Questa. E’ per questo motivo che ho cominciato a girare con la mazza, mica no.

 



23 Commenti

  1. Paul Olden

    Ma ti sei dimenticato il vero Re del Bar: l’imprenditore onesto che lui a votare non ci va, tanto sono tutti ladri e lui c’ha da lavorare. Questo entra al bar smadonnando in modo incompresibile e ordina “un caffè, ma buono, mi raccomando!” , poi esordisce fulminando gli astanti con un’occhiata rabbiosa e urlando “questo paese è una merda. A noi che lavoriamo onestamente ci bombardano di tasse e quelli si mangiano tutto! Si tagliassero i loro stipendi d’oro, invece di cacare il cazzo a me che do da mangiare a venticinque famiglie e ormai pago allo stato il settantotto percento di quello che guadagno, che se andiamo avanti così io tiro giù la serranda e metto tutti in mezzo a una strada. E che ci vado a fare a votare, tanto sono tutti ladri uguale che vivono alle spalle di noi che produciamo e paghiamo le tasse. Una bella bomba in parlamento, ci vorrebbe, farli saltare tutti in aria, io voglio solo che mi lascino lavorare in pace!” . Di solito tutti gli avventori abbozzano annuendo e sospirando, e si forma un piccolo gruppetto di fans che gli danno pacche sulle spalle e lo seguono mentre lui – che c’ha da fare – si avvia al parcheggio borbottando “il caffè te lo pago dopo, ripasso più tardi che adesso vado di fretta”. A questo punto il nostro ritrova un po’ di buonumore, sale sul suo Porsche Cayenne turbo e saluta i fans adoranti dal finestrino, i quali commentano “lui sì che è uno che ne sa.” – ignari del fatto che lo stronzo ha intestato tutte le sue aziende al nonno ottantenne nullatenente e l’anno scorso ha dichiarato novemila euro di reddito lordo, risultando esente irpef. E quando capita all’ospedale per qualcosa firma pure per l’esenzione ticket, che c’ha l’isee di un mendicante.

  2. Francesco

    E quello che vota PDL e Lega?

  3. Rifondarolo

    Sticazzi! Sansonetti lo abbiamo cacciato via a calci in culo dopo la direzione spudoratamente vendoliana che aveva imposto a Liberazione nel periodo del congresso perso dallo stesso Vendola… sei bravo ma informati, non puoi sparare stè minkiate…

  4. Giordamas

    Che poi quello menzionato da Paul Olden è il grande elettore del PdL e spesso diventa anche il parlamentare del PdL!

  5. carmine

    credo che sia più corretto dire (piccolo esempio) Vota Vendola e non vota A Vendola

  6. virginia

    ma qua sei a salierne e pure ‘o gelat è a fragola, a cioccolato, a limone….

  7. mi stupisco a scoprire che non ritieni i votanti di Giannino tra i 10 peggiori

  8. Violet

    Molto divertente, davvero. Però potevi scrivere “juventino” invece di quella parolaccia e mostrare alla squadra in questione lo stesso rispetto che hai avuto per le altre.

  9. Marco

    ho capito esattamente (a) chi voti tu, viva Salierne e i salernitani 

    • amlo

      io non voto da trent’anni e ne vado fiero.

      • Giordamas

        Però, io capisco un poco il sentimento di chi non vota perché trova mortificante scegliere “il meno peggio”. Anch’io lo provo e ho deciso di astenermi. Sto per finire gli studi universitari, ho 26 anni e ho deciso che la cosa migliore da fare, se non mi riconosco nella politica (e quindi nella cultura) italiana, la cosa più onesta che possa fare per me stesso sia quella di andarmene all’estero. Il PD fa schifo al cazzo e gli pseudo-comunisti d’oggi fanno ridere, rispetto Monti, ma lo trovo pericoloso e dannoso perché io del liberismo non mi fido, ma Berlusconi è cento volte peggio e in questi dieci anni il suo passaggio non ha lasciato niente di sano in Italia. Bisogna tener presente anche questo e tollerare quindi chi pensa di “votare il male minore”. Ma chi non vota da trent’anni, ma resta in Italia a farsi fare il mazzo a tarallo proprio da quegli stronzi che non ha votato… non so, mi pare come uno che se lo taglia perché non vuole rischiare di prendersi la candida se va a letto con una. Scusa, eh.

  10. Paul Olden

    Giordamas, da come ti esprimi e dai ragionamenti che fai sei un ragazzo intelligente. Se resti in Italia finisci in un call-center a 600 euro al mese.

Lascia un Commento